Il porno transex italiano

Innanzitutto un po’ di chiarezza riguardo il termine transex. La fenomenologia sessuale è così varia e articolata che è molto facile e frequente fare cattive distinzioni e identificare erronee categorie erotiche in luogo di altre.

Per transessuale si identifica un individuo, uomo o donna, che per ragioni personali non si riconosce nel ruolo di genere che la natura e la cultura gli hanno assegnato, e che attraverso interventi chirurgici talvolta anche molto importanti, acquisisce caratteristiche fisiche dell’altro sesso.
Nella grande parte dei video porno transex italiani, come ad esempio quelli di pornopizzait, i transex che troviamo sono uomini con caratteristiche femminili molto accentuate. Hanno peni svettanti, talvolta non circoncisi, che mostrano con bravura e grande orgoglio fra seni grandi e duri, oppure appena accennati e dal sapore adolescenziale, dai capezzoli capricciosi non ancora intaccati dalla violenta azione ormonale.

Digitando transex o tranny o transessuale o porno transex, il motore di ricerca interno di pornopizzait ci restituisce gratuitamente il meglio del sesso transessuale italiano, in lingua italiana e con attori e attrici italiani.
All’italiano, segretamente, piace pensare di essere preso da una donna e da lei sodomizzato a fondo, succhiarle il suo uccello eretto e poi, magari, concludere il proprio tour sessuale con una gita in Spagna fra le sue belle tette ricostruite perfettamente. Questo è cosa, fondamentalmente, il porno transex italiano propone: scene porno di uomini che scopano con transessuali, spesso con l’intervento di una donna a cui piace offrire i propri servigi in quell’interazione fra peni maschili e quella promiscuità di generi sessuali.

Mulatte superdotate, latine minidotate, brasiliane dai fisici mozzafiato che mostrano la loro mercanzia prepuziale all’obbiettivo della telecamera curiosa, con bocche che sembrano disegnate da un pittore specializzato in pompini. Il transex italiano è questo, ovvero tutte le cose che l’uomo vorrebbe fare a se stesso, con un altro se stesso capace di accogliere pienamente i suoi desideri e condurlo per mano in quella parte del sesso che soltanto segretamente e con mille ripensamenti riesce ad accettare: l’ANO.

L’uomo italiano medio ha una fottuta paura del proprio ano. Si professa emancipato, naviga, condivide e tagga dalla mattina alla sera, ma quando si tratta di orifizio anale, in particolare modo del proprio, smette improvvisamente di taggare e diventa un noioso personaggio vittoriano dalla veste lunga e la bugia luminosa in mano.

L’ano lo intimorisce, teme che considerandolo al di fuori della sua precipua funzione scatologica, l’ano stesso lo condanni a un ruolo omosessuale. Soltanto con un se stesso sarebbe allora in grado di utilizzare il proprio ano nella sua ulteriore funzione erotica, senza cadere nell’ignominia omosex, godendo e facendo godere. Soltanto trovando caratteristiche sue proprie nell’uomo che lo sta inculando e eccitando con mammelle e bocca femminile, riesce a sdoganare l’uso erotico del proprio ano.
I video porno transex italiani di pornopizzait sembrano svolgere questa funzione di sdoganamento anale su uomini intimoriti dal proprio retto. Guardare i transex all’opera è un po’ come trovare noi stessi, uomini, che scopiamo con noi stessi.