Come far squirtare una donna

Lo squirting tipico termine anglosassone, da sempre visto nei paesi occidentali come qualcosa di subliminale. In poche parole far venire la propria compagna, tramite l’espulsione di un liquido dalla vagina.

Sulla pratica dello squirting si sono scritti milioni di pagine, con i dottori, soprattutto i sessuologi, che si sono affannati a confermare o a sconfessare la tesi, una tesi che vede alcune donne schizzare proprio come un uomo, con l’unica differenza che lo schizzo proviene dall’interno della loro figa. Anni sono passati ma ormai lo squirting è acclamato non solo nell’immaginario collettivo, ma anche nella terminologia medica sessuale, che di fatto negli ultimi anni ha accettato l’idea che in alcuni casi, alcune donne, riescono a eiettare un liquido quando si trovano nell’imminenza dell’orgasmo.

Raggiungere la sicurezza che le donne schizzano lascia aperti però altri punti di domanda, primo fra tutti: come riuscire a farle schizzare?

Come far squirtare una donna? Intanto non sono tutte le donne che sono predisposte fisicamente ai fenomeni di eiaculazioni, definiti dai sessuologi “importanti”, essi infatti avvengono per l’abbondante secrezione di un liquido, che di solito è legato all’eccitazione femminile. Tale liquido si raggruppa attorno all’uretra femminile e in caso di forte eccitazione, soprattutto sfruttando le contrazioni che precedono l’orgasmo, zampilla fuori proprio, come quando lo sperma fuoriesce dall’apparato genitale maschile.

Avendo la fortuna di conoscere, e soprattutto scopare con una donna che ha questa specifica conformazione anatomica, si deve però essere bravi a portarla in quella situazione, in cui si può beneficiare della visione dello zampillo che fuoriesce dalla figa. In questo caso l’uomo deve essere bravo a sfruttare la particolarità, e mettere in atto tutte una serie di piccole precauzioni che possano portare a quella che sono in molti a dire è un esperienza veramente indimenticabile.

Intanto uno dei passi da non fare assolutamente è quello di ricercare lo schizzo. Sembrerà paradossale, ma la cosiddetta ansia da prestazione colpisce anche le donne, e avere tra le gambe un maschio che ambisce a vedere la sua donna schizzare, non aiuta la mente di chi quello schizzo deve produrre. Quindi calma, tranquillità e soprattutto zero aspettative. Pensate che esso sia come l’arcobaleno di un rapporto sessuale, se viene sarà bellissimo ma se esso non si affaccerà nel cielo della scopata, il rapporto sarà comunque soddisfacente. Non pensare allo schizzo è il primo passo perché un giorno, forse, la vostra donna potrà farlo, quindi bando alle ciance e evitate di stressarla.

Evitate le ansie da prestazione, ci sono sicuramente delle tecniche per poter vedere lo “schizzo magico”, fuoriuscire dalla vagina della propria compagna di giochi. Intanto la pazienza, lo squirting non è al pari di una sveltina, la donna va eccitata, coccolata, stuzzicata. Non si può arrivare ad un appuntamento, e attendersi che la propria partner riesca a schizzare come una fontana, senza mettere in preventivo una buona dose di eccitazione da parte sua. Bisogna lavorarci sia a livello di sensazioni mentali, che sotto il punto di vista delle sensazioni fisiche, cosa quest’ultima che di solito deriva da un dose abbondante di preliminari. Una buona tattica almeno a sentire chi ha la fortuna di assaporare spesso e volentieri il “getto del piacere” è quello di evitare orgasmi veloci. Evitate quindi di arrivare a letto, spogliarsi e darci dentro come i pazzi, non sono i movimenti di va e vieni tipici del rapporto sessuale, che portano all’eiaculazione femminile a getto, quindi cercate di far durare il rapporto il più a lungo possibile. Fermatevi se ne avete bisogno, usate mani, lingua, bocca, sexy toys, fatela arrivare a un passo dall’orgasmo e cambiate tecnica, ci vuole costanza e conoscenza, ma è l’unica strada percorribile.

Una volta che non si hanno aspettative e ci si è armati di pazienza, si può passare al passo successivo, quello della conoscenza della figa della propria compagna di giochi. Le vagine delle donne non sono tutte uguali, e inserire le dita dentro allo scopo di esplorarle può essere di grande aiuto. Molti sono coloro infatti che mettono in relazione lo squirting con l’individuazione del punto G, esso dovrebbe essere posizionato all’interno della vagina in corrispondenza del clitoride, o qualche centimetro più indietro. In tale punto vi è una maggiore rilevanza di terminazioni nervose, e quindi “stuzzicandolo” la donna ha un eccitazione maggiore. Sta al maschio trovarlo, agite per questo con le dita e fate attenzione alla reazione della vostra compagna, siate delicati ma decisi e non preoccupatevi di farla venire con le dita, d’altronde la stimolazione manuale è alla base dello squirting, ergo esercitatevi.

Ultimo passo ma non per questo meno importante per far schizzare la donna: individuate la posizione. Molte sono coloro che preferiscono schizzare stando accovacciate come a fare pipi, il rischio è che qualche goccia di urina esca involontariamente, e allora domandatevi se siete pronti ad accettarla sul vostro viso, non c’è nulla di male a non volerlo fare, ma sappiate che squirting e pioggia dorata sono due pratiche a volte interconnesse tra di esse, quindi pensateci bene prima, perché non c’è nulla di più imbarazzante per la donna che vedere scappare il proprio partner in bagno, allo scopo di sciacquarsi la faccia come un ossesso.

Ultima cosa se volete, assaporate il liquido. Molte donne che squirtano hanno la visione del proprio maschio che accovacciato in mezzo alle gambe ingoia il “liquido del piacere”, la situazione è del tutto equiparabile al pompino con ingoio che tanto piace ai maschi, quindi se volete farla felice, non vi preoccupate a dissetarvi, molti assicurano che è buonissimo, e se non lo è, avrete comunque fatto felice la vostra donna.

Sappiate infine anche che alcune donne provano imbarazzo a eiaculare a schizzo, psicologicamente per esse è un immagine forte, e metterle a proprio agio fa parte dei compiti che il maschio deve accettare, per avere un rapporto soddisfacente. State attenti a non prenderla in giro se avviene inconsapevolmente, buttatelo sullo scherzo se siete in grado di farlo, altrimenti se la vedete schizzare state in religioso silenzio, e godetevi il momento, un momento a cui migliaia di maschi in tutto il mondo ambiscono.